NEWS DALL'ARTE

IL SENSO DEL NUOVO: BRESCIA RISCOPRE LATTANZIO GAMBARA

da www.arte.it FRANCESCA GREGO - 23/11/2021
Brescia - “Notevolissimo e torrenziale maestro”, Lattanzio Gambara era “capace di affrescare con temi sacri e profani chilometri quadrati di superficie muraria, senza cedere mai il passo a stanchezza o a cadute di qualità”. Così il curatore Marco Tanzi descrive il protagonista della mostra appena inaugurata al Museo di Santa Giulia. Allievo ed erede di Romanino, Gambara fece proprie le lezioni di Correggio, Parmigianino, Giulio Romano e Paolo Veronese diventando uno degli artisti più richiesti in area padana all’epoca del Manierismo. Giorgio Vasari lo definì “il miglior pittore che sia a Brescia”, ma in breve tempo la sua fama si diffuse ben oltre i confini della città. .. continua a leggere

A Forlì la mostra 'Maddalena, il mistero e l'immagine'

da www.ansa.it la Redazione 12/11/2021
'Maddalena. Il mistero e l'immagine' è la 17/ma edizione della grandi mostre forlivesi che hanno fatto della cittadina romagnola una delle protagoniste fisse della cultura nazionale, portando a Forlì, nelle precedenti 16 edizioni, oltre un milione e mezzo di visitatori, provenienti da tutta Italia e dall'estero.
Il percorso espositivo, è stato precisato durante una conferenza stampa, partirà dal III secolo d.C. per arrivare al Novecento con oltre 200 opere provenienti da tutti i più importanti musei al mondo... continua a leggere

Colpo a sorpresa: opera di Lattanzio Gambara in dono alla città

da www.giornaledibrescia.it Giornale di Brescia 01/11/2021
Il soggetto si addice di più alla Settimana Santa, ma quello che importa è il gesto. Così, il «Lamento di Cristo» di Lattanzio Gambara, acquistato da Fondazione Brescia Musei, sarà il «regalo di Natale» della Fondazione alla città. L’opera del maestro del ’500 bresciano sarà esposta a breve in una mostra-dossier intitolata «Il senso del nuovo. Lattanzio Gambara pittore manierista», accanto ad altri dipinti provenienti dagli Uffizi e dalle Gallerie Reali di Torino, e da collezioni del territorio... continua a leggere

E LUCE FU! ART NIGHT RIPARTE DAI MACCHIAIOLI CON NERI MARCORÈ

da www.arte.it Scritto da FRANCESCA GREGO 29/10/2021
I mondi irreali di Joan Mirò e Hieronymus Bosch, le performance di Marina Abramovic, la rivoluzione di Giotto, ma anche le storie esclusive dei grandi collezionisti internazionali e il meglio del fotogiornalismo: sono solo alcune delle novità che scopriremo nella nuova stagione di Art Night, il programma di Rai Cultura scritto da Silvia De Felice, Emanuela Avallone, Massimo Favia, Alessandro Rossi e diretto da Andrea Montemaggiore che racconta l’arte e il mondo che la circonda nelle sue diverse declinazioni. Al via questa sera, venerdì 29 ottobre alle 21.15 su Rai 5, le nuove puntate saranno animate dal talento poliedrico del conduttore Neri Marcorè, pronto a parlare d’arte a modo proprio, tra pittura e libri, lirica e sculture, scatti fotografici e musica leggera, pescando tra tutto ciò che alimenta la sua e la nostra immaginazione... continua a leggere

NEL SEGNO DELLA LIBERTÀ. ELISABETTA SIRANI IN MOSTRA A MODENA

da www.arte.it Scritto da FRANCESCA GREGO 15/09/2021
Modena - “Guido Reni al femminile”: tanto alta era la reputazione di Elisabetta Sirani che i contemporanei la associavano a una vera star dell’arte della sua epoca - e della sua città, Bologna. Tornata alla ribalta negli ultimi anni con la riscoperta delle grandi pittrici del Cinquecento e del Seicento, da venerdì 17 settembre la “signora dell’arte” emiliana sarà protagonista esclusiva di una mostra che inaugura il Festival della Filosofia di Modena. Tema dell’edizione 2021 della kermesse culturale è la libertà, ed Elisabetta di libertà se ne intendeva. In un’epoca in cui gli ambienti della pittura erano tutt’altro che generosi con le donne, seppe farsi strada grazie al proprio talento, superando i limiti che le consuetudini e il suo stesso maestro, il padre Giovanni Andrea, sembravano imporle. Lodi e successo non le bastarono: così, oltre che per una morte precoce e misteriosa, è passata alla storia per aver fondato a Bologna la prima accademia d’arte per giovani donne. ... continua a leggere

Pace e amore in mostra

da www.paeseroma.it Scritto da Emanuela Maria Maritato - 13/09/2021
Appuntamento speciale è quello dell’Expo 2020 Abu Dhabi-Dubai, al via il primo di Ottobre 2021 che si protrarrà sino al 31 del mese di marzo dell’anno prossimo. La rassegna mondiale della capacità creativa dell’uomo nuove tecnologie, innovazioni e scoperte; anche le poetiche dell’arte a 365°, Arte e scenari mai visti.
E’ per questo che non possiamo nascondere la nostra grande soddisfazione, la “nostra fortunata Pace e Amore” – la mostra d’arte internazionale interconfessionale, nata nel 2018 presso l’ala della Grande Moschea di Roma realizzata da Paolo Portoghesi – sarà parte rilevante degli official event in terra araba. L’arte contemporanea italiana ad Expo 2020, è pronta a mostrarsi al mondo in questa cornice unica e suggestiva. Le sale sono proprio accanto alle architetture del Louvre Due, qui ogni mese presenteremo un nuovo allestimento ideato appositamente per pochissimi artisti e poche opere, al Manarat al Saadiyat, nell’isola dei musei di Abu Dhabi – dove – fra l’altro ci sono il Louvre e il Guggenheim.
Gli artisti italiani contemporanei entreranno così nella storia non solo araba ma del mondo, in questo momento storico nel quale ad Adu Dhabi arriveranno oltre venti milioni di persone per questa Expo a cu partecipano oltre duecento Paesi.... continua a leggere

Uffizi, acquistato il perduto San Paolo dalla chiesa dell'Ultima Cena

da www.gonews.it Scritto dalla Redazione - 02/09/2021
Un grande dipinto raffigurante San Paolo entra a far parte della collezione delle Gallerie degli Uffizi. È un’opera documentata di Pellegrino Tibaldi (1527 o 1530/1531-1596) – uno dei maggiori e più versatili artisti del Cinquecento, attivo in Italia e in Spagna – e del suo allievo milanese Giovanni Pietro Gnocchi (1553 circa – 1609). La tela che arriva agli Uffizi è dipinta dallo Gnocchi da un cartone e con la supervisione del maestro Tibaldi e mostra San Paolo a figura intera, in piedi, con alle spalle un monumentale sfondo architettonico e a fianco uno scrittoio sulla cui base è iscritta la data 1585. Il santo, dalla lunga barba e coperto da vesti rosse e verdi, è riconoscibile per il suo attributo tradizionale, la spada, appoggiata al muro. L’opera verrà prossimamente esposta al primo piano del museo, negli ambienti dedicati al Cinquecento, inserendosi nella polifonia di voci della pittura della Controriforma in Italia.... continua a leggere

IN ARRIVO A MILANO GLI SCATTI DI IRVING PENN

da www.arte.it Scritto da SAMANTHA DE MARTIN - 24/08/2021
Milano - “Posso essere ossessionato da qualsiasi cosa se la guardo abbastanza a lungo. Questa è la maledizione di essere un fotografo”.
Ossessioni che Irving Penn ha trasformato nell’alfa e nell’omega delle sue composizioni, facendo della grazia il nucleo di una ricerca personale che pone gli indigeni accanto alle modelle di Vogue, le voluttuose nature morte al cospetto di Picasso.
Il fotografo, filosofo, umanista americano che ha catturato con il suo obiettivo storie diverse, raccontando di viaggi, incontri e ricerche antropologiche, sarà alla Cardi Gallery di Milano per condividere con il pubblico la complessità della sua opera.
Il percorso espositivo, in programma dal 9 settembre al 22 dicembre e in collaborazione con The Irving Penn Foundation, coinvolgerà i due piani della galleria, abbracciando la fotografia di moda, che ha reso celebre Penn, ma soprattutto il legame speciale con l’Italia, capitolo al quale sarà interamente dedicato il primo piano... continua a leggere

Autunno a Milano con il giovane Boccioni

da www.arte.it Scritto da Francesca Grego - 25/08/2021
Futurista ma non solo. A dispetto della caduta da cavallo che gli troncò la vita a 34 anni, l’arte di Umberto Boccioni è ricca e sfaccettata come quella di un maestro di lungo corso. L’invito a conoscerla più a fondo arriva dalla Galleria Bottegantica con una mostra attesa da tempo.
Che cosa c’è dietro capolavori d’avanguardia come La Città che sale, Elasticità, Forme uniche della continuità nello spazio? Come arrivò il pittore e scultore novecentesco a formulare il suo linguaggio personale? Oltre la travolgente avventura dell’avanguardia, c’è ancora un Boccioni da scoprire? Forse sì, visto che finora nessuna mostra si era mai concentrata sulle origini della sua arte e il periodo giovanile del maestro non era mai stato indagato in profondità. Curata da Virginia Baradel, tra le più accreditate studiose dell’artista, Il giovane Boccioni racconterà un tempo di sperimentazioni e vagabondaggi, di città in città, di suggestione in suggestione, in cui lo studio del passato si lega allo slancio verso il presente e a uno sguardo proiettato prepotentemente verso il futuro... continua a leggere

Al Museo del Novecento di Milano la Retrospettiva Di Mario Sironi. Sintesi e Grandiosità

da news-art.it Scritto da Giovanni Cardone - Agosto 2021
Fino al 27 Marzo 2022 si potrà ammirare al Museo del Novecento di Milano la mostra ‘Mario Sironi. Sintesi e Grandiosità’ a cura di Elena Pontiggia e Anna Maria Montaldo direttrice del Museo del Novecento. Questa grande e approfondita retrospettiva vuole ripercorre l’opera del Maestro a sessant’anni dalla sua morte, questo percorso espositivo nato dalla collaborazione con Andrea Sironi-StrausswaldAssociazione Mario Sironi, Milano e Romana Sironi Archivio Mario Sironi di Romana Sironi, Roma.In esposizione oltre cento opere esposte, che ne ricostruiscono l’intero percorso artistico dalla giovanile stagione simbolista all’adesione al futurismo dalla sua originale interpretazione della metafisica nel 1919 al momento classico del Novecento Italiano; dalla crisi espressionista del 1929-30 alla pittura monumentale degli anni Trenta; fino al secondo dopoguerra e all’ Apocalisse dipinta .. continua a leggere

Giacomo Balla: i mille volti di un'arte totale.

da www.arte.it Scritto da FRANCESCA GREGO - 12/07/2021
“Un essere diabolico: piccolo e rosso come un frugolo; dai baffi di ferro filato arroventato, mozzati a spazzolino da denti; dalle sopracciglia - sempre rosse - folte e arricciate con le dita, a forma di SS disuguali; gli occhi celeste chiaro, talmente ipocriti da sembrare dolcissimi, la fronte come una tavoletta da bucato; due rughe gli scendevano giù dagli estremi della bocca, coperte da una barbetta di gramigna fulva che alligna nei solchi. Un cappello di paglia che sembrava d’impiallacciatura. La cravattino di celluloide tremolante come la gelatina. Vestito a scacchi, scarpe nere e ghette di gesso: un clown. Un essere da circo equestre; eccentrico e assolutamente assurdo fuori dal caffè-concerto. Era costui, uno dei più grandi pittori d’Italia, riconosciuto dai passatisti e dai futuristi: Giacomo Balla”.
Chi parla non è un cronista di vedute ristrette, ma un artista e poeta d’avanguardia, Francesco Cangiullo. Balla fa discutere, non ammette indifferenza. A teatro con Filippo Tommaso Marinetti in una delle memorabili serate futuriste, Cangiullo lo incontra per la prima volta e ne resta profondamente colpito. Non è solo l’immagine a fare del maestro un individuo fuori dal comune: una spiccata personalità, una creatività inesauribile ed eclettica, un intelletto originale e indipendente lo collocano sempre un passo avanti rispetto ai contemporanei e gli permettono di cambiare pelle più volte, conservando sempre la propria identità. .. continua a leggere

Tra arte urbana e messaggi politici l’universo di Obey arriva al Museo Diocesano di Ostuni.

da www.artemagazine.it Scritto da Redazione - 26/06/2021
Dal 26 giugno “OBEY FIDELITY. The art of Shepard Fairey”, la mostra cura di Gianluca Marziani e Stefano Antonelli, prodotta e organizzata da Associazione MetaMorfosi, è l’occasione per avvicinarsi all’arte di uno degli street Artist più celebri al mondo, che ha trasformato il volto di Obama in un’icona ancor prima che venisse eletto Presidente degli Stati Uniti.
OSTUNI - Uno stile inimitabile, audace e iconico, permeato di messaggi politici contraddistingue l’arte di Shepard Fairey, nome in codice Obey in mostra al Museo Diocesano di Ostuni, dal 26 giugno al 1 novembre 2021.
L’esposizione è il terzo progetto espositivo, dopo le mostre dedicate a Picasso e Andy Warhol, prodotto e organizzato da MetaMorfosi in collaborazione con Puglia Walking Art, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, Tutela e sviluppo delle imprese culturali, Turismo, Sviluppo e impresa turistica della Regione Puglia e di Federalberghi Brindisi e con il coordinamento di MICexperience Rete d’Imprese. .. continua a leggere

LA MADONNA DEL LATTE DI MURILLO, A PALAZZO BARBERINI DOPO IL RESTAURO, SVELA I SUOI SEGRETI

da www.arte.it scritto da SAMANTHA DE MARTIN - 19/05/2021
Roma - Il cardinale Neri Maria Corsini ne rimase a tal punto impressionato da volerla accanto a sé proprio di fronte al letto.
Sono innamorato della Vergine di Murillo della Galleria Corsini. La sua testa mi perseguita e i suoi occhi continuano a passarmi davanti come due lanterne danzanti” scriveva invece Flaubert all’amico Bouilhet nel 1851.
E in effetti, a guardarla a fondo, con quello sguardo intenso e il gesto che racchiude tutta l’intimità familiare di una madre intenta ad allattare il suo bambino, la Madonna zingara - come la definì lo storico Carl Justi - commuove davvero.
Nel nuovo allestimento - che fino al prossimo 11 luglio la vedrà brillare a Palazzo Barberini, esponendola al pubblico per la prima volta dopo il recente restauro durato quasi un anno - l’opera, tra le più lodate e più ammirate della Galleria Corsini (attualmente chiusa per lavori di ristrutturazione) trascina il visitatore in una danza infinitamente tenera e coinvolgente... continua a leggere

Avere Maria Maddalena a Palazzo Reale è un bel…colpo!

da news-arte.it scritto da Maria Cristina Bibbi aprile 2021
Artemisia: Da Beirut a Milano. La Maddalena Sursock della “guerriera” Artemisia Gentileschi è atterrata di recente a Palazzo Reale. L’opera, che completa l’allestimento della grande mostra “Le Signore dell’Arte” risale al periodo napoletano (1630 – 1631). E’ atteso anche Ercole e Onfele. Sarà un’impresa “ciclopica” averlo, ma insieme sarebbero davvero una forza!
Maria Maddalena è arrivata visibilmente segnata, salva per miracolo (divino), con tagli causati da vetri, buchi e microfratture. Il quadro è infatti sovraccaricato da vecchi restauri e stuccature, ma il danneggiamento è dovuto soprattutto al bombardamento avvenuto il 4 Agosto nel porto di Beirut.
Tuttavia non ne viene spento però l’impatto visivo. Luminosa nella sua “esplosione” di cromie, che si mescolano tra le pieghe del ceruleo e dell’oro.
L’opera appartiene alla collezione Sursock di Roderick Cochrane, l’ultimo erede della famiglia. E’ custodita tra gli arredi di epoca ottomana del palazzo di proprietà Sursock, una delle famiglie più aristocratiche del Libano, con legami di parentela con i Serra di Cassano di Napoli e i Colonna di Roma, che danno il nome all’omonimo museo chiuso dopo l’esplosione e che conserva nel palazzo privato adiacente una collezione privata con opere tra gli altri di Guido Reni.... continua a leggere

Una chiacchierata con Michelangelo grazie all'intelligenza artificiale

da www.arte.it scritto da SAMANTHA DE MARTIN il 04/03/2021
In vista del giorno che ne celebra la nascita, il 6 marzo 1475, a oltre 500 anni di distanza, Michelangelo “rivive” grazie all’intelligenza artificiale.
Poco importa se l’irrequieto pennello della Cappella Sistina utilizzerà l’inglese e una chat per confrontarsi con il suo pubblico moderno, mettendo da parte l’accento tosco. Quel che conta è che chiunque potrà porgli delle domande, da quali siano stati i suoi artisti preferiti agli anni formativi di Firenze, con le prime esperienze tra arte, pensiero, spiritualità.
E il maestro risponderà citando Donatello, l’artista del passato che maggiormente ammirava, e ancora Ghiberti e Luca della Robbia, ricordando le sue prime commissioni pubbliche importanti proprio per il Duomo, dove anche i colleghi avevano lavorato.
A realizzare il progetto Michelangelo AI - uno strumento educativo utile a far conoscere a un pubblico ampio l’arte, la vita e il pensiero del più grande artista del Rinascimento - è l’Opera di Santa Maria del Fiore di Firenze in collaborazione con Querlo, Customized Artificial Intelligence Solutions con base a New York.
Le due istituzioni hanno dato vita, per la prima volta, a un Michelangelo virtuale utilizzando la tecnologia.
Come chattare con Michelangelo? continua a leggere

Su About Art online: “E’ il vero Ecce Homo di Caravaggio”

da www.aboutartonline.com scritto da Massimo PULINI
Dal sito web: "Pubblichiamo in anteprima il saggio del Prof. Massimo Pulini che ha potuto riconoscere la mano di Michelangelo Merisi da Caravaggio nel formidabile dipinto che presentiamo raffigurante l’Ecce Homo che, come viene chiarito nel saggio, è l’autentico presentato al famoso ‘concorso Massimi’ cui Caravaggio prese parte agli inzi del Seicento. Il Prof. Pulini già due settimane orsono aveva confidato al sottoscritto il valore straordinario della scoperta concernente il dipinto che veniva presentato con indicazione generica di scuola riberesca in un’asta spagnola, affidando ad About Art l’onore della pubblicazione del suo lavoro, raccomandandoci di attendere l’esito dell’evento organizzato dalla casa d’aste, presso cui la sua ricerca era stata già depositata. Per questo abbiamo mantenuto -con molta sofferenza, dobbiamo ammetterlo- un rigoroso silenzio che rompiamo solo oggi, prendendo atto che la notizia appare ora sui quotidiani più importanti in Italia e all’estero (PdL)..." continua a leggere

Il Getty museum acquista Lucrezia, il dipinto riscoperto di Artemisia Gentileschi

da www.arte.it scritto da Samantha De Martin 01/04/2021
Il pugnale rivolto al seno, la testa abbandonata all’indietro, gli occhi stravolti, puntati verso il cielo.
Lucrezia, la leggendaria eroina romana, virtuosa moglie di Lucio Tarquinio Collatino, infertasi la morte, secondo la tradizione, dopo essere stata abusata da Sesto Tarquinio, sbuca da una tela riscoperta di Artemisia Gentileschi invitando chi osserva a condividere con devozione il suo dramma.
Il J. Paul Getty Museum di Los Angeles ha annunciato oggi l’acquisizione di quest’opera dipinta da Artemisia nel 1627, e solo recentemente riscoperta. La grande tela, riemersa sul mercato nel 2019 e messa all’asta nel novembre dello stesso anno, è rimasta per secoli in mani private.
Il pubblico potrà adesso ammirarla, insieme agli altri capolavori della collezione, non appena il museo riaprirà i battenti.
In realtà questa figura mitica della storia di Roma, legata alla cacciata dalla città dell'ultimo re Tarquinio il Superbo, è un soggetto molto caro all'arte rinascimentale e barocca. Anche Artemisia la ritrae spesso, isolata, nell’istante prima di affondare il pugnale nel petto. L’artista romana ne fa più volte la protagonista delle sue tele, condividendo con questo personaggio, esempio di forza e coraggio femminili, la sua personale violenza, subita da Agostino Tassi durante la giovinezza trascorsa all’ombra del padre pittore. ... continua a leggere

Da tutto il mondo collegati con l'arte di Raffaello a Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 23 FEB - Collegati in contemporanea da Londra, Madrid, Parigi, Amsterdam, Berlino, Porto e ancora, fuori dall'Europa, Los Angeles, Washington, Puebla e San Pietroburgo: circa 120 i visitatori virtuali che hanno partecipato al tour guidato della mostra "Raffaello in Umbria e la sua eredità in Accademia" allestita a Palazzo Baldeschi al Corso, a Perugia, dalla Fondazione CariPerugia Arte e dall'Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci. Sono già in programma altri due appuntamenti mercoledì 24 febbraio alle 17.30 e venerdì 26 alle 10.30 e, a marzo, visite a tema.
La Fondazione CariPerugia Arte, in seguito alla chiusura dovuta alle misure restrittive anti-Covid delle mostre "Raffaello in Umbria e la sua eredità in Accademia" e "Dal lustro all'istoriato: Raffaello e la nuova maiolica" allestite rispettivamente presso Palazzo Baldeschi a Perugia e le Logge dei Tiratori della Lana a Gubbio, ha infatti organizzato una serie di iniziative online con approfondimenti di singole opere e focus tematici sui propri canali virtuali.
Ad accompagnare il pubblico alla scoperta del percorso espositivo dedicato ai 500 anni dalla morte di Raffaello è stata la guida turistica Anne Claire Bour, che, grazie alla piattaforma www.virtualtrips.io, ha aperto al mondo le porte di Palazzo Baldeschi. Non è previsto un biglietto di ingresso, ma si può lasciare una donazione per sostenere le guide turistiche... continua a leggere

Il mito dei gladiatori rivive a Napoli: anteprime online dalla grande mostra di primavera

da www.arte.it scritto da Francesca Grego 14/01/2021
Napoli - Centosessanta opere, sei sezioni e un mito lungo duemila anni: si presenta così il progetto di punta del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la primavera 2021, nato dalla collaborazione con l’Antikenmuseum di Basilea e realizzato in sinergia con il Parco Archeologico del Colosseo. Dal prossimo 8 marzo nel Salone della Meridiana torneranno a casa preziosi reperti che da anni girano il mondo per esposizioni internazionali. Li ammireremo insieme a prestiti importanti come il Mosaico di Augusta Raurica, capolavoro di eccezionale estensione e raffinatezza che per la prima volta lascerà la Svizzera dopo il restauro integrale. Armi rare e pregiate, sculture, splendidi vasi istoriati e oggetti carichi di storia ci parleranno di duelli e di giochi di caccia, di antichi anfiteatri e di vita quotidiana. Anche la tecnologia farà la sua parte: saranno infatti ricostruite in digitale le pitture perdute dell’Anfiteatro di Pompei, mentre una serie di percorsi video ci mostrerà le armature che distinguevano le diverse classi di gladiatori.
In attesa di immergerci dal vivo in questa spettacolare epopea, possiamo averne un assaggio nella campagna appena iniziata sui canali social del MANN: un reperto alla volta, percorreremo virtualmente le diverse sezioni della mostra, tra storie curiose, gioielli d’arte e interessanti dettagli che online avranno la necessaria attenzione. è il caso dell’Elmo del Mirmillone, per esempio, dove in pochi centimetri riconosciamo la personificazione di Roma, i barbari e i prigionieri inseriti in un racconto trionfale. O di una cassetta medicale in bronzo intarsiato che ci parla delle cure dispensate ai lottatori, fino alle anteprime delle pitture pompeiane scomparse e alle meraviglie del mosaico in arrivo da Oltralpe, testimone di uno dei più importanti siti romani in Svizzera... continua a leggere

BOLDINI E IL FASCINO DELLA BELLE ÉPOQUE, PRESTO AL MART, IN ANTEPRIMA SUL WEB- da arte.it - 24/11/2020" Dopo un lungo restauro torna ad Arezzo capolavoro trecentesco di Pietro Lorenzetti- da finestresullarte.info - 06/11/2020" La Lombardia omaggia Raffaello e i suoi "custodi- da Arte.it - 16/09/2020" Ecco dov’è la misteriosa Tempsa romana - dal 'Circolo Culturale lo Scaffale' - 29/08/2020 DA VAN GOGH A MARINA ABRAMOVIĆ - www.arte.it - 25/08/2020 ARTE AD ALTA QUOTA: IN TRENTINO-ALTO ADIGE I MUSEI PIÙ BELLI - www.arte.it - 08/07/2020 In arrivo a Padova i colori di Van Gogh - www.arte.it - 24/06/2020 La collezione di Roberto Longhi a Palazzo Caffarelli a Roma - www.news.art.it - 06/2020 Da Gauguin a Chagall, gli artisti francesi in mostra a Milano dai Musei Vaticani - www.arte.it - 05/06/2020 Venezia: scoperti i dipinti del Tiepolo sul soffitto di Palazzo Sandi - www.italiamagazineonline.it - 03/06/2020 IL RITORNO DI RAFFAELLO "SUPERSTAR" ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE - www.arte.it - 01/06/2020 DALLA LUCE ALLA LUCE. PRESTO A ROMA IL FUTURISMO DI GIACOMO BALLA - www.arte.it - 25/05/2020 I traffici d’arte prima del Coronavirus: oltre 900.000 beni recuperati - www.triesteallnews.it - 05/2020 Profeti, rivelazioni e ritratti negli affreschi di Lattanzio Gambara - www.aboutonline.com - 05/2020 IN MAREMMA CON I MACCHIAIOLI - www.arte.it - 05/05/2020 UNA STORIA DI GENEROSITÀ E DI PASSIONE: L'ACCADEMIA CARRARA DI BERGAMO - www.arte.it - 27/04/2020 UNA MOSTRA ONLINE PER FESTEGGIARE I 150 ANNI DEL METROPOLITAN MUSEUM - www.arte.it - 17/04/2020 Da Giotto a Chagall: gli angeli nell’arte - www.bergamonews.it - 04/2020 Coronavirus: Cenacolo chiuso 'regala' Ultima cena al cinema - www.ansa.it - 09/04/2020 La Pasqua virtuale degli Uffizi - Artemagazine.com - 08/04/2020 Furto a Amsterdam - trafugato un Van Gogh - Il fatto quotidiano - 31/03/2020 Nel mese di marzo, con la chiusura di tutti i luoghi d'arte - Fondazione Brescia Musei - 03/2020

×